Home

Ringraziando il cielo, l’Italia è una repubblica parlamentare, e non una monarchia “illuminata” (dai flash dei fotografi dei tabloid, s’intende) come il Regno Unito, di conseguenza non ci capiterà di condividere con i nostri concittadini un ipocrita sentimento di sdegno se il secondogenito dell’erede al trono decide di trascorrere una notte selvaggia completamente nudo in un casinò di Las Vegas e queste foto finiscono malauguratamente sul web. Quella diventa una faccenda nazionale di competenza della Camera dei Comuni data l’importanza istituzionale che riveste ogni membro della Royal Family. Qui da noi, terra repubblicana da oltre sessant’anni, il Parlamento ha cose più importanti da fare che dedicarsi, ad esempio, alle scorribande notturne dei figli dei nostri primi ministri. Che poi, anche volendo, sono persone con la testa sulle spalle. Prendete i figli di secondo letto dell’ex Presidente del Consiglio, Berlusconi, giusto perché paragonabili come età al principino Harry. Forse per la legge del contrappasso che vuole i figli totalmente diversi dai padri (per cui a un genitore omofobo che andava a scuola dai preti, faceva il boyscout e sovvenziona l’opus dei, corrisponderà sempre un figlio transgender fan dei Black Sabbath con tendenze sataniste, e viceversa), i pargoli di Berlusconi erano troppo perfetti per essere agenti di scandalo: belli, biondi, sobri e defilati. Tutto il contrario del loro papà, uno che definisce una serata con venticinque escort minorenni che mimano le scene dei film di Eva Henger travestite da poliziotte come “cene eleganti”.  Che poi, diciamoci la verità, chiunque possiede un mezzo scheletro nell’armadio, anche i figli di Berlusconi che fanno così tanto famiglia Cuore, e meno male. Barbara, se non sbaglio la più grande della seconda nidiata, è quella che più si esposta al chiacchiericcio mediatico lasciando il compagno e mettendosi con Pato, più piccolo di lei ma soprattutto calciatore della squadra di famiglia, inaugurando un conflitto d’interessi grande quanto quello del papà.

Ai giornali di gossip, sfortuna loro, è andata male anche con il cambio di guardia a Palazzo Chigi. Prendete il figlio di Monti. Se “Chi” non avesse dedicato uno straccio di articolo alle vacanze in famiglia del nostro Premier (divertenti, da quello che trapela, come una partita a bocce al ricovero per anziani di Carlentini), chi avrebbe mai potuto vedere una foto di Giovanni Monti? Ma soprattutto, uno che anche in ferie ha l’espressione perennemente afflitta di chi si sta preparando a un esame di colonscopia senza lubrificante dopo aver appreso che gli hanno clonato la visa in Ucraina, potrebbe mai farsi beccare mentre balla la macarena senza vestiti addosso durante un’ammucchiata nella capitale del vizio, come Harry? E comunque, quand’anche fosse, non sarebbe una faccenda nazionale perchè, come dicevo, i nostri parlamentari repubblicani hanno altro di cui occuparsi, indaffarati come sono a varare leggi e decreti per il bene di tutti i cittadini, tipo il taglio dei rimborsi ai partiti. Si, certo. E gli asini volano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...